Space music (parte 1)

Diario del capitano.
“Lo spazio è malattia e pericolo, avvolto nell’oscurità e nel silenzio.”
Leonard “Bones” McCoy (Star Trek 2009)


Non c’è musica nello spazio. La scienza lo descrive come un luogo oscuro, silenzioso, freddo, mortale.

Ma noi siamo Fantascienza, non scienza.
Dare una definizione per la Space Music è alquanto difficile e farei almeno 3 distinzioni : musica già esistente e adattata ai film di fantascienza , musica “ambient” e Space Rock. Non parleremo invece delle colonne sonore realizzate ad hoc per film come Star Wars, E.T, Terminator, Alien, etc etc. Questo sarà il tema di un prossimo articolo.

Alcuni brani di musica classica (anche contemporanea) sono stati adattati a colonna sonora di film di fantascienza: la Sinfonia N°5 di Mahler nel film “Rollerball”, la Suite N°1 per violoncello di Bach nel film “Elysium”, il movimento Adagio dal balletto Gayane di Khachaturian in “Aliens” e “2001: Odissea nello spazio” e poi come non citare questo:

La Space music viene spesso relegata come una sottocategoria della musica New Age, associabile di conseguenza alla musica “lounge”, alla musica “easy-listening, alla musica “ambient”. Per citare uno dei pionieri della musica elettronica e della musica ambient, Brian Eno, “la musica ambient deve essere in grado di assoggettarsi a diversi livelli di attenzione da parte di chi la ascolta, senza essere preponderante in nessuno di questi. Deve poter essere ignorata quanto essere allo stesso tempo interessante.” (tratto dalle note che accompagnavano la release dell’album “Ambient 1: Music for Airports” – Brian Eno).
Un esempio di musica ambient ? Prendete il film “The Blues Brother”, verso la fine, quando stanno salendo in ascensore per consegnare il denaro all’ufficio governativo.

E’ quindi sufficiente prendere un brano strumentale, di mediocre fattura e scarsa qualità, per avere un esempio di space music?
Certamente no. Decine di autori professionisti si sono cimentati (e tuttora lo fanno) nella creazione, consapevole o meno, di Space music, a volte venendo etichettati come appartenenti esclusivamente a questo sotto-genere musicale. E non sempre erano contenti di ciò: gli stessi Pink Floyd avevano pensato all’ambientazione del loro stupendo brano “Echoes”, come all’incontro fra due pianeti nello spazio. Quando poi si resero conto che, dopo aver scritto “Astronomy domine”, “Set the control for the earth of the sun”, “Interstellar overdrive”, “Let there be more light”, venivano ormai additati come un gruppo Space Rock, decisero di darci un taglio e diedero al brano “Echoes” dei toni “acquatici”.

Abbiamo citato i Pink Floyd, come rappresentanti dello Space Rock, ma c’erano anche gli Hawkwind e i Gong, tutti gruppi di provenienza britannica, nati a cavallo fra gli anni ’60 e gli anni ’70, nel periodo cioè della corsa verso lo spazio. I loro brani erano spesso lenti, strumentali, realizzati con l’uso dei primi sintetizzatori (il nome Robert Moog vi dice qualcosa ?), di organi elettronici e densi di assoli di chitarra psichedelici. I testi, quando ce n’erano, parlavano di spazio e di fantascienza.  C’era David Bowie con la sua “Space Oddity”, i Rolling Stones con “2000 light years from home”, i pacifici Beatles con “Flying”. Non molto spaziale come sonorità ma come titolo certamente si, troviamo anche Jimi Hendrix con “Third stone from the sun” e la divertente “Space Cowboy” della Steve Miller Band (fra l’altro il nome di questo blog prende spunto proprio da questa ultima canzone).

Nella prossima parte dell’articolo dedicato alla Space music, faremo una ulteriore carrellata dei gruppi ed autori più significativi, ed esamineremo il panorama musicale ai giorni nostri e quali sono i maggiori esponenti di questo sottogenere.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

6 commenti

  1. CMDR Capitan Buonumore

    E non dimentichiamoci dei Tangerine Dream, eh?

  2. E chi li dimentica 🙂

  3. CMDR Capitan Buonumore

    Anche se, CMDR, devo dire che se il discorso Cosmic Music per me funziona in fase di esplorazione, personalmente preferisco un’altro tipo di colonna sonora per cacciare taglie in RES: Motorhead, Black Sabbath, Deep Purple, AC/DC, ZZTop, Clash, una bella fetta di prog rock o prog sinfonica italiana… ma anche Bowie, che riesce a coprire qualsiasi situazione spaziale egregiamente 😉
    Durante la mia breve fase di capitano di Beluga, invece, amavo mettere a bella posta tutt’altro tipo di musica (anche Nino d’Angelo dei tempi d’oro andava bene) per il solo gusto di infastidire miei ricchi e sofisticati passeggeri.
    Alla fine credo che, nell’immenso spazio come qui sul nostro pianetino, funzioni il genere musicale che più si accordi con lo stato d’animo del momento…
    Fly safe, Commander!

    • CMDR Wolf974
      CMDR Wolf974

      Concordo con Buonumore! (:D)
      in battaglia AC/DC e ZZTop vincono a mani basse per me!
      Riguardo ai viaggi di trasporto passeggeri metto anche qualche pezzo da Anime giapponesi! 😀

    • Mi immagino i tuoi passeggeri, mentre ammirano le meraviglie del cosmo ascoltando “‘Nu jeans e ‘na maglietta”
      uhahahahahaha!!!

  4. CMDR Capitan Buonumore

    Beh, quando qualche passeggero ti chiede (con quel solito fare arrogante) di procurargli dei “clothes”, metterla sul mangianastri spaziale diventa un obbligo morale 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *