Unearthed Tenebrae (part 1)

Come avevamo già accennato in questo articolo, siamo ripartiti alla volta di una zona oscura, che la retta via era sparita (Dante, perdonaci..!).

Il nostro tragitto seguirà una rotta caotica da Sol (Inner Orion Spur) fino alla zona chiamata Tenebris, con l’intento di portare alla luce i suoi segreti, scansionare e mappare “strani nuovi mondi, alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima” (così ci becchiamo anche la querela dalla CBS..).. e speriamo anche di tirare su dei crediti, vendendo i dati cartografici a qualunque fazione che ci pagherà profumatamente (ebbene sì, siamo degli sporchi mercenari!).

Per prepararci a questo lungo viaggio abbia prima trascorso del tempo per ottimizzare le nostre Asp Explorer con la tecnologia FSD Guardian e ingegnerizzarle a puntino per ottenere un buon salto iperspaziale (più di 60 Ly a botta!)

Eccoci così alla prima stazione di servizio (con un ottimo autogrill) per fare rifornimento e per installare l’ultimo modello di robo-chef: la nuova versione è più affidabile e contiene anche delle ricette regionali (tipo le ciriole ai funghi, la coratella di agnello e la crostata di visciole) e una selezione di ricette “paleo” per quel troglodita di Wolf974. Non sapete cos’è la cucina Paleo? Informatevi su Golosamente Sani!

Ultimati i preparativi, siamo andati a raccogliere ispirazione presso una delle reliquie tecnologiche del nostro passato.. una antica sonda esplorativa, la Voyager 2. Questa invia ancora dei messaggi in tutte le lingue… ma il nostro traduttore universale è sfasato e ci servirebbe il tenente Uhura per capirne il vero significato.

Ecco le immagini di una escursione con gli SRV, in una zona di interesse geologico:

Si, ho la panza.. e allora?!?

Continuando verso i waypoint, ci siamo imbattuti in un fenomeno particolare, ovvero la formazione spontanea di cristalli.

Abbiamo anche trovato un “Albulum Gourd Mollusc”.. una viscida bestia schifosa che si avvicina alle navi, smerdandole di spore verdi.. lanciamo le trappole ma occhio a non incrociare i flussi (che si sa è male!)
PROTTTT !!
..si avvicina…!!
Ecco, ora è entrata nell’abitacolo.. Pare che sia attratta dalle navi… mollusco curioso!!!
Altra location degna di nota… soprattutto utile per fare l’autolavaggio alla nostra Asp…
..e questa mi ricorda un noto film del ’79… paura!!!!
Bene, un pianeta privo di forme di vita.. consolante.

I nostri Waypoint attuali, per chi volesse raggiungerci, sono i seguenti: **Inner Orion Spur**
WP00 SOL
WP01 musca dark region CQ-Y D68
WP02 praea euq ES-H B25-0
WP03 PRO EURL SH-K B51-1

Presto ripartiremo per i rendezvous successivi ma nel frattempo ci godiamo le scoperte fin qui analizzate..

Ci vediamo in giro, commanders.. into the black! o7

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.