Stranger Things [Recensione]

Per chi ancora non ne avesse sentito parlare, Stranger Things è una serie TV in otto episodi, che può rientrare nel genere Horror-fantascientifico, mostrata su Netflix da luglio di quest’anno.

netflix%20stranger%20things%20poster

Se ne è parlato benissimo sia negli Stati Uniti che in Italia e così, incoraggiato dai compagni di gioco di Dungeons and Dragons di vecchia data, da qualche giorno ho iniziato la visione… Sappiate che, soprattutto se vi piacciono gli anni Ottanta (e come me eravate dei ragazzini all’epoca), e vi piace E.T., War Games, Stand by me, i Goonies… allora è una serie che fa per voi!
Oltre ad avere una storia piuttosto avvincente, gli 8 episodi della prima stagione di Stranger Things sono infatti pieni zeppa di riferimenti, rimandi e citazioni degli anni Ottanta: ci sono misteri da risolvere, fenomeni soprannaturali (universi paralleli?!), dei protagonisti bambini, i giochi di ruolo a me cari, la musica giusta, ed è stata girata con uno stile cinematografico che riprende moltissimo quello di quel periodo, a partire dai titoli di testa che sembrano quelli dei libri di Stephen King. A me poi, in qualche modo, ricorda anche i Visitors… e non so perché la sigla iniziale già quelli mi mette angoscia! (quella positiva si fa per dire.. si veda il video qui di seguito)

Ma andiamo all’inizio della storia (non non ci saranno spoiler tranquilli!): già qui ho avuto un fremito (non dalla paura ma dalla sorpresa positiva): in uno scantinato dell’Indiana, nella cittadina di Hawkins, a poche settimane dal Natale, quattro bambini giocano a Dungeons & Dragons: una quest, un mago contro un Demogorgone e un tiro di dadi…
e poi tutto girerà attorno a un mistero: la scomparsa successiva di uno di questi bambini (tra l’altro appassionati anche di Star Wars…). I suoi amici cominciano a cercarlo e incontrano la piccola Eleven (Undici da noi), Elle (Undi) per abbreviare, taciturna e “weird” (ovvero strana, stramba). Intanto, in un centro di ricerca del Governo poco lontano dalla città, agenti e scienziati sono in allarme: qualcosa, nei loro esperimenti, è andato male; e ora le persone stanno scomparendo.
Lo sceriffo si mette al lavoro insieme ai suoi uomini e la madre (interpretata da Wynona Rider, icona degli anni 80) è pronta a tutto pur di ritrovare suo figlio. E adolescenti eccitati cominciano la loro danza dell’amore in un turbinio fatto di party, birre e baci rubati (che fa un po’ “Tempo delle mele”). Intanto in sottofondo risuona la meravigliosa “Should I stay or should I go?” dei Clash. Ed è tutta qui Stranger Things: una storia che sa di estate (rubata e già passata), amicizia e coraggio.

Stranger Things è stata pensata, scritta, diretta e prodotta dai fratelli Matt e Ross Duffer, che in passato diressero un Horror ma con ben poca fortuna… pare invece che qui abbiano azzeccato su tutta la linea nonostante si sia puntato tutto su un racconto già visto e già sentito (esperimenti governativi? Mostri da X-files? Bambini che scompaiono nel nulla?), ma che riesce comunque a districarsi nel fitto groviglio di prodotti standardizzati. Qui non c’è alcuna velleità di essere innovativi a tutti costi… Forse è proprio il riproporre un genere mai ben realizzato a tutto tondo a rendere vincente questa serie.

Infatti ora il successo è innegabile e, nonostante non ci siano conferme ufficiali su una data d’uscita precisa per la seconda stagione di Stranger Things
, si vocifera che sarà nel 2017. Su IMDb – il più importante sito al mondo per recensioni di cinema e serie tv – Stranger Things è stata votata da più di 40mila persone e il voto medio è 9,2 su 10, ed è anche la serie tv più popolare del sito, davanti a Game of Thrones e Mr. Robot. (Anche se per me, Game of Thrones resta la serie insuperabile per eccellenza! almeno negli ultimi 20anni).

Quindi nell’attesa della seconda stagione di Stranger Things, molti critici hanno parlato benissimo della serie: ne hanno apprezzato gli attori (soprattutto i ragazzini) e il modo in cui la storia è girata e raccontata. Le riprese, in particolare, sono fatte con uno stile anni Ottanta: movimenti di camera, luci, lenti e altre cose tecniche sono appositamente fatte per dare alla storia toni, ritmi e colori dei film di quegli anni. Non è solo una questione di ambientazione o citazione di film, libri o canzoni di quel periodo… è proprio l’atmosfera generale che aleggia e permea tutto il contesto.. Qualche critica negativa a dire il vero c’è stata: in particolare sugli effetti speciali: forse per questioni di budget talvolta funzionano e talvolta no (il mostro, per esempio, è troppo plastico e troppo finto nelle scene in cui viene ricreato con la computer grafica) ma dire che è un fattore trascurabile… anzi…. pure questo aspetto, in un certo senso, è un rimando al cinema e alla televisione del genere. (Ricordate quanto erano plasticosi i mostri/canidi di Ghostbusters?)

Una piccola critica va fatta anche ai doppiatori italiani… solo io mi sono accorto che nel secondo episodio, durante la battuta di ricerca del bambinio scomparso, uno dei poliziotti dice di aver trovato solo un cellulare scarico???? da quando negli anni ’80 esistevano i cellulari? Sarei curioso di rivedere la scena in originale per capire se si tratti di un errore di traduzione… Certo che se così fosse è un errore madornale! neanche ci si prende la briga di capire una serie prima di doppiarla?

In conclusione non posso che consigliarvela.. soprattutto per la personalità dei ragazzini protagonisti: dei piccoli Nerd, un po’ Spacejokers, che crescono bene! Buona visione! (vi lascio col trailer ufficiale per farvi venire un po’ di acquolina in bocca..)

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

3 commenti

  1. Ciao, mi sono accorto anche io che la polizia parlava di un cellulare scarico, nella versione originale dicono semplicemente “dead phone”. E’ chiaro che chi ha tradotto non aveva la minima idea del contesto.

    • CMDR Wolf974
      CMDR Wolf974

      Ciao Luca, sì purtroppo noi italiani siamo abituati a traduzione da parte di persone che neanche cercano di capire il senso del discorso…

      • Inoltre c’è la tendenza dilagante a far doppiare film a personaggi sportivi o famosi.. che non sanno nulla di doppiaggio. Un caso vomitevole è stato il film “Eragorn” dove il drago viene doppiato da Ilaria D’Amico, con un notevole accento romano.. (niente contro i romani, anzi.. ma un drago?? ma dai..!!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.