Newsletter #99

Benvenuti Commanders, ecco il riassunto della Newsletter 99.

Questa settimana assistiamo al lancio della beta 1.5 “Ships”, diamo un primo sguardo alle strutture fortificate in Horizons (e al nuovo Imperial Cutter), ed inoltre vi parliamo dei nuovi Materials, che serviranno in seguito per costruire oggetti in Horizons.

Elite Dangerous 1.5 Beta è disponibile da oggi

1
I Commanders che hanno il beta access alla stagione one di Elite Dangerous, saranno da oggi in grado di volare sulle navi incluse nella beta 1.5. Mike Brookes, nel developer update ha già dato numerosi dettagli, ma da oggi potrete esplorare lo spazio in una delle nuove sette navi che fanno parte dell’aggiornamento, come la massiccia Federal Corvette o lo slanciato Imperial Cutter o la nave multiruolo Keelback.

Anche la beta di Elite Dangerous: Horizons è praticamente dietro l’angolo, con la data di rilascio prevista per il 24 Novembre.

Fortifications

2
La preview “di assaggio” di Horizons, fatta da David Braben questa settimana, mostra per la prima volta uno spazioporto fortificato sulla superficie di un pianeta.

3

Nel video, David mostra l’Imperial Cutter da vari punti di vista, mentre gira attorno alla grossa nave in uno SRV. Poi ci porta a fare un giro in un tunnel che conduce allo spazioporto.

Materials
Martedì scorso, durante il livestream in diretta su Horizons, il Lead Designer Sandro Sammarco ci ha parlato delle nuove navi disponibili con l’aggiornamento alla 1.5 e di come i Materials funzioneranno in Horizons.

Successivamente, nel appuntamento settimanale con il developer update, Michael Brookes è entrato in maggiori dettagli, oltre a parlare degli sviluppi per la localizzazione in Spagnolo e dei miglioramenti fatti alle missioni nella 1,5.

“Materials (materie prime) che saranno presemtate in Horizons Planetary Landings, sono delle materie prime che possono essere trovate sulla superficie dei pianeti e delle lune. Il tipo di questi materiali varia in funzione della geologia del corpo planetario, il tipo di pianeta e dove è situato. Oltre che in formazioni naturali, alcuni di essi possono essere trovati in modo molto particolare (se non addirittura unico). Ad esempio, le meteore possono essere frantumate per esaminare il loro contenuto di minerali. Vi sono anche delle fonti di minerali “misteriose” che dovrete scoprire.

Verranno aggiunti circa 25 di questi materiali ed essi possono essere utilizzati come elementi base per sintetizzare diverse cose. Difatti essi rappresentano il preludio per il sistema di loot e di crafting che arriverà più tardi nella stagione di updates. Questi materiali vengono utilizzati in piccole quantità e non occupano spazio (cargo space) a bordo della nave. Anzi vi sarà uno spazio dedicato solo ad essi. Verrano poi consumati per sintetizzare diversi elementi che serviranno quali upgrade per la nave e per l’SRV. Per ogni diversa applicazione fatta con la sintesi, saranno necessarie diverse miscele di materiali.

La rarità (o abbondanza) di questi materiali varia a seconda del materiale stesso. Alcuni sono rarissimi, ma sono quelli che danno maggiori vantaggi quando vengono sintetizzati, rispetto ai materiali più comuni. Fondamentale per trovare questi materiali è il wave scanner. A differenza dello scanner a bordo della nave, quello all’interno del SRV è tarato per la ricerca di materiali.

I materials hanno un particolare segnale che può essere tracciato utilizzando il wave scanner per interpretare cosa c’è nei paraggi. Da qui il giocatore può usare il segnale direzionale dello scanner per arrivare al materiale. Materiali diversi hanno segnali d’onda diversi e, con un po’ di pratica, è possibile identificarli nello scanner. La stessa tecnica si utilizza con i punti di interesse e con gli insediamenti, dato che lo scanner permette di visualizzare i segnali che provengono da sorgenti artificiali come power generators o relitti di navi.

Vi saranno sei tipi di sintesi che potranno essere applicati, rilasciati con la prima espansione della stagione: tre per la nave, ovvero il rifornimento delle munizioni, un temporaneo aumento della distanza di salto con il Frame Ship Drive e il rifornimento alla Auto Field Maintenance Unit. Per l’SRV i vantaggi saranno : carburante, riparazioni e munizioni per le armi a plasma. Materiali di maggiore qualità daranno vantaggi maggiori, per cui fare il pieno di munizioni sintetizzate con materiali di qualità, aumenterà il danno generato quando si usano le armi. Il bonus viene applicato solo finchè si usano le munizioni sintetizzate.

Un altra modifica che stiamo testando con la 1.5 beta, è sul funzionamento delle shield cell. La modifica è in due parti, la prima aumenta il calore della nave (quindi aumenta il rischio di usarle, visto che la nave può essere danneggiata dal picco di calore. La seconda parte riguarda un ritardo nella loro attivazione. Questo ritardo si applicherà anche ad altri moduli. Vediamo come sarà il feedback nel corso della beta.

Stiamo anche aumentando la funzione degli hull reinforcement, per aumentare la salute dello scafo.

La release 1.5 e in seguito gli Horizons Planetary Landing, conterranno significanti modifiche al sistema di missioni. Questo vuol dire che al momento della release ufficiale, tutte le missioni in corso verranno resettate. Vi avviseremo in anticipo in modo che potrete completare le vostre missioni.”

Come sempre, controllate i forum ufficiali, la pagina twitter e la pagina Facebook per tutte le ultime novità dell’universo di Elite: Dangerous, noi vi terremo informati.

Link all’articolo originale

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.